Rapporto di lavoro

Sì alle body cam sui treni per prevenire aggressioni furti e atti vandalici

di Rossella Schiavone

Q
D
LContenuto esclusivo QdL

Le aggressioni al personale ed agli utenti, i furti e gli atti vandalici sui mezzi pubblici in generale sono sempre più frequenti e, per questo motivo, una società di trasporto pubblico ferroviario ha presentato al Garante Privacy una richiesta di verifica preliminare per poter dotare i suoi addetti alla sicurezza ed i capitreno con compiti di controllo dei titoli di viaggio, di dispositivi indossabili, c.d. body cam, che consentirebbero la raccolta e la trasmissione delle immagini riprese a bordo ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?