Rapporto di lavoro

Astensione anticipata e covid

di Josef Tschoell

LA DOMANDA Una apprendista barista non potendo essere adibita ad altre mansioni e rifiutandosi di venire a lavorare per il suo stato interessante, alimentato da timori da contagio Covid-19, dal 21/07/2020 si è rifiutata di lavorare invocando l'astensione anticipata. In questo caso la domanda all'ITL la deve presentare la lavoratrice oppure è un obbligo del datore di lavoro? Nel caso di erogazione dell'indennità anticipata senza il provvedimento autorizzativo dell'ITL (e senza domanda di astensione anticipata da parte della lavoratrice all'Inps) quali sono i rischi per il datore di lavoro? Conviene comunque inviare la documentazione tardiva per sanare l'inadempienza procedurale?

Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?