Agevolazioni e incentivi

Indennità di malattia e maternità a rischio se al lavoratore autonomo viene negato l’esonero contributivo

di Matteo Prioschi

Il rigetto della domanda di esonero contributivo parziale, introdotto dalla legge 178/2020, può comportare la perdita dell'eventuale indennità di maternità/paternità, congedo parentale o malattia chiesta dal lavoratore autonomo.Con il messaggio 3216/2021 pubblicato il 24 settembre, Inps ricorda che agli iscritti alle gestioni commercianti, artigiani, coltivatori diretti, coloni e mezzadri, l'indennità di maternità/paternità o quella di congedo parentale non possono essere erogate se i contributi non sono regolarmente versati rispettivamente nel periodo indennizzabile o nel mese antecedente il congedo.Qualora, ...


Quotidiano del Lavoro

Il Quotidiano del Lavoro è il nuovo strumento di informazione e formazione dedicato ai professionisti del lavoro.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?